PIMI e PIVI, e la musica indipendente fa festa

La scena musicale indipendente italiana li aspetta ogni anno: il PIMI e il PIVI sono i riconoscimenti attribuiti dal MEI alla musica che si sente e a quella che si vede. Per iscrivere videoclip o segnalare artisti c’è tempo fino al 21 settembre.


Anche quest’anno il MEI – Meeting degli indipendenti si svolgerà a Bari nell’ambito del MEDIMEX, dal 29 novembre al 2 dicembre. Il Meeting è un appuntamento fondamentale per capire la scena indie italiana, e raduna ogni anno il meglio della produzione musicale e culturale di settore.

I numeri delle passate edizioni confermano la centralità dell’evento: lo scorso anno, tanto per fare un esempio, ilPIVI ha visto oltre 450 clip iscritti a concorso, e quest’anno le premesse fanno immaginare un successo ancora maggiore. 

Durante i tre giorni della kermesse, la giuria assegnerà dunque i riconoscimenti ufficiali (Miglior video, regia, soggetto, fotografia e montaggio) a cui si aggiungono i premi speciali. Anche quest’anno Tutto Digitale – ormai un compagno di viaggio storico del concorso dedicato ai videoclip – nominerà un vincitore per il premio per la tecnica, dedicato al videoclip che avrà saputo utilizzare nella maniera più creativa le attrezzature impiegate.

Per iscriversi al PIVI (e per segnalare artisti per il PIMI, il Premio Italiano Musica Indipendente) è necessarioscaricare bando e scheda da questo link ed inviare le opere entro il 21 settembre.

Lo scorso anno il premio speciale Tutto Digitale per la tecnica è andato ai Lapingra, con il brano This is not a test



“Le stelle ci cambieranno pelle” di Marco Notari, per la regia di Marco Missano, ha vinto il PIVI 2011 come Miglior Video, mentre la Miglior Regia è stata quella di Roberto Cinardi, in arte Saku, per “Scegli me” dei Verdena. Il Premio per il soggetto è invece andato ad Alice Ninni, Luca Cattaneo ed Alberto Filippini per “Lacrime di Giulietta” di Matteo Negrin: un successo creativo testimoniato dagli oltre due milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube. 
“Il cielo” di Facciascura ha invece conquistato il premio per la fotografia, a cura di Massimo Costanzi, mentre la palma del Montaggio è andata a “I nostri corpi celesti” di Le luci della centrale elettrica, diretto e montato da Luca Lumaca

In attesa di vedere quali opere vinceranno questa volta, ecco una selezione dei videoclip premiati nel 2011.


www.meiweb.it

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest