Prometheus, c’era una volta Alien…

Il maestro Ridley Scott torna ai suoi incubi fantascientifici e – 33 anni dopo Alien – confeziona un altro spettacolare kolossal, sugli schermi italiani dal 14 settembre, con distribuzione 20th Century Fox



In principio era Alien. E i suoi (degni) fratelli, ovviamente: il numero due di James Cameron, il 3 di Fincher, il 4 diJeunet, un quinto fratello a lungo vagheggiato e mai nato, per non parlare poi degli spin off come Alien vs. Predator o delle versioni apocrife, come il casereccio Alien 2 sulla Terra, confezionato dal regista napoletano Ciro Ippolito. 

Poi si fece largo l’idea di realizzare non un sequel, bensì un prequel, da affidare sempre al papà di AlienRidley Scott. Gira gira, però, il prequel ha cambiato faccia, si è evoluto e ha iniziato a brillare di luce propria, dando così vita a un’altra straordinaria “creatura” dell’immaginario fantascientico: quel Prometheus che – sempre per mano di Scott – si appresta a debuttare nelle sale italiane il 14 settembre ad opera di 20th Century Fox.

Non vi diremo nulla dell’intrigante quanto complessa trama, ambientata nel 2089, supportata da scenografie edeffetti speciali strabilianti, nonché da un cast di prim’ordine, che allinea Noomi Rapace, Michael Fassbender, Guy Pearce, Charlize Theron e molti altri.

Il consiglio è uno solo: Prometheus è un film assolutamente da vedere e da vedere al cinema. In attesa di averlo nella propria videoteca privata magari in una sublime edizione collector’s

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest