Dom 3 Luglio 2022

Istituto Luce, 90 anni di immaginario italiano

1924-2014: una grande mostra per celebrare i 90 anni dalla fondazione di una delle più grandi imprese culturali del Paese, luogo di elezione della sua conoscenza storica e  deposito materiale di beni immateriali: le memorie, i segreti, i sogni dell’Italia

Quasi un secolo di storia nazionale va in scena al Complesso del Vittoriano di Roma, che fino al 21 settembre ospita la grande mostra LUCE-L’immaginario italiano, a cura dell’Istituto Luce.
Le memorie, i segreti e i sogni dell’Italia dai primi del ‘900 a oggi nelle immagini – foto e video – tratte dagli archivi di una delle più antiche istituzioni pubbliche a scopo didattico e informativo del mondo, che proprio nel 2014 celebra i novant’anni dalla sua fondazione.
Due i binari ideali di questa narrazione, in un itinerario legato insieme da una serie di parole-chiave: come l’Italia si è rappresentata nei decenni attraverso i cinegiornali del Luce, e come l’Italia si è rivelata, confessata, svelata, al di là della facciata delle sue rappresentazioni ufficiali.
Una doppia lettura che si avvale di un flusso continuo di immagini, con grandi pannelli tematico-cronologici, e tanti megaschermi su cui sono proiettate speciali videoinstallazioni, montaggi realizzati ad hoc di centinaia di filmati dell’Archivio storico Luce, nonché oltre 500 fotografie.
Uno spazio speciale dell’esposizione è poi dedicato al cinema, con centinaia di scatti di registi, attori, una preziosa selezione di trailer e backstage di film e una retrospettiva di film e documentari, per un totale di oltre 130 titoli rappresentativi della storia cinematografica del Luce dal 1933 al 2013

(in apertura: sul set de Le fatiche di Ercole: Steve Reeves, Fulvio Carrara, Sylva Koscina, 1958)

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Potrebbero interessarti anche...
In edicola
Tutto Digitale News
IL CINEMA DIETRO LE QUINTE