Mer 17 Agosto 2022

Nuova Leica M Monochrom, il bianco e nero next gen

Da Leica arriva la nuova Leica M Monochrom (Typ 246), ultima evoluzione della macchina studiata per la fotografia digitale in bianco e nero dall’azienda tedesca

Fotografia esclusivamente in bianco e nero con la massima qualità sotto ogni punto di vista. È questa la filosofia di base della nuova Leica M Monochrom (Typ 246), evoluzione di una macchina praticamente unica sul mercato, realizzata con alcuni importanti accorgimenti a vantaggio di un miglioramento delle prestazioni complessive. A tal proposito, da segnalare innanzitutto l’adozione di un nuovo sensore in bianco e nero da 24 megapixel, Full Frame, senza filtro passa-basso; sensore che, fra le varie prestazioni, si segnala – a detta dell’azienda tedesca – per consentire risultati di nitidezza fuori dal comune a tutte le sensibilità, fino a ISO 25.000. Le fotografie, sempre a quanto sottolinea Leica, ‘saranno caratterizzate da straordinaria profondità, con una chiarezza e una risoluzione dei dettagli che sorpassano di molto quelle delle esposizioni a colori’.

E non è tutto. Altro vantaggio del nuovo sensore è che, in aggiunta agli obiettivi della gamma Leica M, ora sulla M Monochrom si possono usare (quasi) tutte le ottiche della serie Leica R per ampliare le possibilità creative del sistema a telemetro Leica.
Altra novità della macchina, l’adozione di un processore immagine di alte prestazioni (‘Leica Maestro’) come quello utilizzato nell’attuale Leica M, e una memoria di buffer con una capacità espansa a 2 gigabyte anziché 1. Una combinazione di caratteristiche che permette di ottenere una notevole velocità operativa.
Dal punto di vista estetico-funzionale, il design della nuova macchina – al tempo stesso discreto e robusto – riflette la tradizionale filosofia del sistema a telemetro Leica: calotta e fondello sono realizzati per fresatura da blocchi di ottone massiccio e rifiniti in cromatura nera, mentre le materie prime usate per la realizzazione sono frutto di una selezione ad hoc. Il corpo macchina è prodotto con una lega di magnesio, leggero ed affidabile. A proposito di robustezza, da segnalare che il vetrino (in cristallo zaffiro) a protezione del monitor LCD è quasi indistruttibile, ed è trattato con un rivestimento protettivo antiriflesso per consentire una valutazione precisa delle immagini in ogni situazione di illuminazione.
Insomma, una macchina davvero unica, destinata, come quasi sempre accade con Leica, a (ricchi) estimatori…

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Potrebbero interessarti anche...
In edicola
Tutto Digitale News
IL CINEMA DIETRO LE QUINTE