Sab 21 Maggio 2022

L’IMAX arriva a casa

L’immagine (e i suoni, e il comfort) al MAXimo anche in casa? Oggi è possibile senza troppe difficoltà… avendo a disposizione un conto in banca adeguato…

Fra sale cinematografiche e sale domestiche, per un grande periodo di tempo, non c’è stata partita: l’emozione era riservata al cinema, mentre si preferiva restare a casa – complice la pigrizia di uscire – essenzialmente quando si privilegiava la comodità, ovvero la fruizione di programmi televisivi ed anche film in salotto, con tutti i limiti tecnici del caso.
Poi è nato l’home theater, con i vari sistemi surround, e quindi, con l’alta definizione, è arrivato il passo successivo, l’HD home theater… una soluzione capace di offrire – almeno potenzialmente, nei sistemi top class – emozioni audiovisive direttamente paragonabili a quelle della sala cinematografica, senza preoccuparsi di uscire, parcheggiare, scegliere un posto ad hoc…
Oggi, il passo successivo – forse l’ultimo, quello definitivo? – si chiama Imax Home Theater, o meglio, come l’ha definito la stessa azienda canadese, l’Imax Private Theater, un trattamento che, in sostanza, prevede interventi su 4 punti qualificanti, come è per l’Imax ‘vero’: la geometria della sala, l’acustica ambientale, la proiezione, la riproduzione del suono.
Nel lavoro di realizzazione delI’Imax Private Theater nulla è lasciato al caso, considerato che il tutto deve essere ottimizzato non solo per i film ‘Imaxed’, per così dire, ma per qualsiasi opera cinematografica o televisiva. Questo significa che gli specialisti Imax devono lavorare al progetto in pieno accordo con architetti, interior designer e installatori del cliente, e fornire in ogni caso una soluzione integrata, unica e coordinata.
Prima che vi venga voglia di compilare l’assegno (da appena 2 milioni di euro in su), e successivamente farvi belli con gli amici per l’esclusiva placca che riceverete come attestato dell’autenticità dell’installazione, ricordate che servirà uno spazio non solo per la sala vera e propria (tipicamente, almeno 12 metri di altezza, 22,5 di larghezza e 31 di profondità), ma anche per la saletta di proiezione, per alloggiare proiettori e sistema audio (dimensioni approssimative necessarie, 8 x 15 x 11 metri).
Un dossier completo, con disegni ed immagini ad hoc, è pubblicato sul numero 100 di Tutto Digitale, attualmente in edicola

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Potrebbero interessarti anche...
In edicola
Tutto Digitale News
IL CINEMA DIETRO LE QUINTE