Nikon D5, Full Frame per chi se ne intende

Finalmente Nikon ha sciolto le riserve e presentato al pubblico la nuova D5. Una macchina professionale che si presenta con sensibilità da record (da 100 a 102.400 ISO, estendibile a 3.280.000 ISO!), video 4K/UHD e molto altro…

Dopo mesi di rumors più o meno attendibili sulle possibili caratteristiche, finalmente è stata presentata l’attesissima D5, la nuova fotocamera reflex top class firmata Nikon. Una macchina Full Frame (che la casa giapponese indica come ‘formato FX‘) con il classico family feeling dei precedenti modelli professionali, dotata di numerose caratteristiche inedite. Vediamo le principali, in attesa di segnalarvi le nostre impressioni in anteprima assoluta.
Iniziamo con il sensore di immagine CMOS da 20,8 MP accoppiato a un processore Expeed 5, con il sensore di misurazione esposimetrica RGB a 180K pixel e con il sistema AF di nuova generazione a 153 punti e 99 sensori a croce: un poker di elementi studiati per offrire ottime performance in tutte le situazioni sotto il profilo della nitidezza, dell’esposizione e del fuoco, in particolare in riprese di gare sportive e simili e in condizioni di scarsa illuminazione (sensibilità AF fino a -4 EV, a ISO 100, 20°C).

A proposito, qualche parola merita anche la voce ‘sensibilità’, che si estende sulla gamma più estesa della storia di Nikon (ISO da 100 a 102.400, estendibile a ISO 3.280.000, equivalente all’impostazione Hi 5): è possibile effettuare riprese al di là di quello che l’occhio è in grado di vedere, e soprattutto, a quanto dichiara la casa giapponese, con ‘un’eccezionale nitidezza delle riprese su tutta la gamma ISO standard’.

La D5 permette riprese fino a 12 fps (con AE/AF tracking) o fino a 14 fps con M-Up. Al proposito, Nikon dichiara significativi miglioramenti dell’AF tracking e della visibilità del mirino, a vantaggio della ripresa di azioni veloci e improvvise. In quanto alle precisioni velocistiche, da segnalare la presenza di un buffer ad alte prestazioni che permette di catturare fino a 200 fotografie (RAW o JPEG Large) in una singola sequenza; un numero sufficiente, ad esempio, a coprire eventi sportivi (come una finale dei 100 metri o simili) senza sollevare il dito dallo scatto.

La Nikon D5 non accontenta solo i fotografi ma anche i videomaker: con D-movie è ora possibile registrare filmati 4K o meglio UHD (Ultra High Definition, 3840 x 2160 pixel) direttamente dalla macchina, a 30p/25p/24p, oltre che per riprendere in Full HD (1080p) fino a 50p/60p in vari formati.

Per finire, qualche parola sulla grande velocità del flusso di lavoro, grazie ai due nuovi slot per card XQD, e ad una nuova porta USB 3.0; a proposito di velocità, da segnalare la possibilità di operare fino a 4 volte più velocemente in wireless (fino a 2 volte con Ethernet).

 

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest