Sony A7III, tutti i dettagli

Ecco i dettagli sulla nuova mirrorless full-frame A7 III di Sony e le prime foto scattate durante la presentazione, in Inghilterra, alla stampa internazionale

In un evento privato nella campagna inglese Sony ha presentato la nuova versione della mirrorless A7, la terza della serie (A7III, nome in codice ILCE-7M3). Una macchina importante, destinata – nelle parole espresse dalla casa giapponese – a rivoluzionare l’idea di “modello base”, stabilendo un nuovo standard di ingresso per il mercato delle full frame.
Diamo uno sguardo in profondità alle caratteristiche, per verificare se tale affermazione corrisponde alla realtà, e poi un’occhiata ad alcuni scatti realizzati ad hoc.

Iniziamo con il dire che la macchina si presenta sostanzialmente con la medesima impostazione estetica ed ergonomica delle versioni precedenti e delle varianti (R ed S), a conferma della validità delle scelte progettuali. In quanto alla tecnica, da segnalare innanzitutto l’adozione di un nuovo sensore d’immagine CMOS Exmor R retroilluminato da 24,2 MP, associato ad un chip LSI frontale per un aumento della velocità di lettura. Il processore inpiegato nella macchina è il classico Sony Bionz in edizione aggiornata per il nuovo sensore, che aumenta la velocità di elaborazione di circa 1,8 volte rispetto alla A7II.
Sensore e processore lavorano in tandem per offrire prestazioni migliorate sotto vari aspetti. La sensibilità, ad esempio, va da 100 – 51200 ISO (espandibile a 50 – 204800 ISO per le foto); la gamma dinamica raggiunge 15 stop a basse sensibilità, lo scatto continuo arriva sino a 10 fps (in modalità “Hi+” continua, e in funzione delle impostazioni della fotocamera) con otturatore meccanico o con scatto silenzioso e tracking AF/AE accurato e continuo (177 immagini JPEG standard, 89 immagini RAW compresse o 40 immagini RAW non compresse). La A7III può anche scattare a raffica ad un massimo di 8 fps in modalità Live View, con un ritardo minimo nel mirino o sul display LCD.

A proposito di messa a fuoco, la A7III adotta un sistema AF adeguato alla situazione, offrendo un livello di prestazioni migliorato rispetto alla A7 II, tra cui l’aggiunta delle funzionalità 4D Focus. Il sistema si basa su 693 punti AF a rilevamento di fase che coprono circa il 93% dell’inquadratura e 425 punti AF a rilevamento di contrasto; non manca un’opzione Eye AF rapida e affidabile. Risposta e il tracking AF sono più veloci (velocità di messa a fuoco di quasi 2 volte più rapida in condizioni di bassa illuminazione e di tracking di 2 volte). Sempre per la messa a fuoco, da segnalare l’aggiunta di un multiselettore (joystick) per lo spostamento rapido dei punti di messa a fuoco e della funzionalità touch, la disponibilità AF nella modalità di zoom, e altro ancora.
Altre caratteristiche interessanti riguardano, ad esempio, la presenza di uno stabilizzatore ottico su 5 assi (che permette 5 step di vantaggio sulla velocità dell’otturatore) una rinnovata batteria – NP-FZ100 della serie Z, che offre una capacità di circa 2,2 volte superiore rispetto alla NP-FW50 della serie W, utilizzata nella A7II già vista sull’ammiraglia A9 – che assicura fino a 710 scatti per carica .
Il mirino è un OLED Tru-Finder da circa 2,3 milioni di punti ad avvio rapido, e dispone di impostazioni per la qualità di visualizzazione (standard ed alta, opzioni disponibili anche per il monitor).

Come prevedibile, la nuova A7 III offre anche la registrazione video 4K, o meglio UHD (3840 x 2160 pixel) sull’intera superficie del sensore full-frame. In modalità video, come altri modelli Sony, la fotocamera utilizza la lettura completa dei pixel senza pixel binning.

La A7 III offre, oltre a S-Log2 che S-Log3, il profilo immagine HLG (Hybrid Log-Gamma), che supporta un workflow in Instant HDR. In tal modo è possibile la riproduzione di immagini 4K HDR su TV compatibili HDR (HLG). Sempre in ambito video, da segnalare la disponibilità della funzionalità Zebra, Gamma Display Assist e la registrazione di proxy, e, per realizzare effetti di slow motion, la possibilità di registrare video Full HD a 120 fps fino a 100 Mbps.
Nella A7III ci sono funzionalità ereditate dalla A9 e poi trasferite anche sulla A7RIII, come il doppio slot per schede di memoria SD, di cui uno compatibile con SD di tipo UHS-II. Ricordiamo che per riprese in formato XAVC S è richiesta una scheda SDHC/SDXC di classe 10 o superiore; per riprese a 100 Mbps serve una scheda UHS con classe di velocità 3 o superiore.
Il doppio slot offre varie opzioni per la memorizzazione dei contenuti, fra cui quella JPEG/RAW separata, la registrazione separata di foto e video, la registrazione relay e molto altro. A proposito di RAW, da segnalare che la A7III offre anche un formato RAW a 14 bit persino nelle modalità di scatto silenzioso e continuo.
La nuova fotocamera consente il trasferimento dei file su mobile devices, computer o server FTP tramite Wi-Fi ed è dotata di un terminale USB-C SuperSpeed (USB 3.1 gen. 1).

Naturalmente, funzioni ed opzioni accessorie sono quasi senza limiti, dal “My Menu”, per registrare più di 30 voci di menu da richiamare all’istante, alla classificazione a stella per le immagini, dalla possibilità di assegnare ben 81 funzioni assegnabili a 11 tasti personalizzabili, alla resistenza a polvere e umidità, dalla funzione anti sfarfallio…
Infine, la mirrorless Sony è corredata della nuova suite”Imaging Edge”, che offre tre software per la gestione completa delle immagini , ed è compatibile con gli accessori per fotocamere ad attacco E di Sony, inclusi il caricabatterie BC-QZ1 e l’impugnatura per l’uso in verticale VG-C3EM.

La nuova macchina sarà disponibile a partire da aprile 2018 nella versione solo corpo o in un kit con obiettivo SEL2870. Prezzo, al momento, non comunicato.

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest