Panasonic S1 & S1R, arrivano le mirrorless full frame

Svelati tutti i dettagli delle due mirrorless Full Frame della casa giapponese, destinate ad entrare in diretta concorrenza con le validissime e recenti proposte di mostri sacri della fotografia come Nikon e Canon…

Nel corso di una conferenza stampa a Barcellona (alla quale Tutto Digitale non è stato invitato, a dire il vero, e questo ha comportato un ritardo nella comunicazione, di cui ci scusiamo con i lettori), sono stati finalmente resi noti i dettagli delle due macchine e dei tre obiettivi della serie S di Panasonic, annunciata alla scorsa edizione della Photokina.

Sostanzialmente le Panasonic S1 e S1R sono identiche, esteticamente e come dotazione (e disposizione) di comandi. La differenza maggiore è nel sensore CMOS, che per la S1 è da 35,6 x 23,8 mm e 24,2 megapixel, mentre per la S1R, priva di filtro passa basso, è da 36 x 24 mm e 43,7 MP.
In comune le S1 e S1R hanno, oltre naturalmente all’attacco L-mount sviluppato insieme a Leica e Sigma, il nuovo processore Venus Engine, l’adozione di viewfinder OLED da 5,76 MP e di display touch da 3,2 pollici e 2,1MP, oltre al Dual I.S. 2. Questo combina lo stabilizzatore di immagini a 5 assi Body IS, Image Stabilizer (che offre – a detta di Panasonic – tempi di esposizione possibili fino a 5,5 stop più lenti dei valori normalmente “sicuri”), con l’OIS, Optical Image Stabilizer a 2 assi degli obiettivi Serie S, per una compensazione sino a 6 stop.

Interessante, per entrambi i modelli, la modalità High Resolution che integra le informazioni di 8 scatti consecutivi (con lo stabilizzatore che gestisce finemente la posizione del sensore) per ottenere file RAW con definizione record: 12.000 x 8000 pixel (96 MP) per la S1, e addirittura 16.736 x 11.168 pixel (quasi 187 MP!) per la S1R.

Ancora, le S1 & S1R hanno in comune le capacità di ripresa video, possibile in 4K (o meglio UHD, 3840 x 2160 pixel) fino a 60/50p e con varie opzioni ad altre risoluzioni e frame rate.
Diversi invece i valori di sensibilità. La ‘piccola’ S1 offre una range ISO 100-51200, con estensione a 50 e 204.800; per la ‘grande’ S1R, invece, i valori sono rispettivamente 100-26.500, con estensione a 50 e 51.200 ISO.

La memorizzazione avviene su schede XQD e SD (il cui slot è compatibile con schede SDHC/SDXC di tipo UHS-I/UHS-II UHS Speed Class 3 e SDXC di tipo UHS-II Video Speed Class 90).
Naturalmente, per modelli cosiì aggiornati e completi, ci sarebbe molto di più da dire. Ne riparleremo quando avremo occasione di mettere le mani sulla macchina (o macchine); per il momento campioni e prezzi non sono disponibili.

Prima di chiudere, da segnalare tre nuovi obiettivi per queste fotocamere e il sistema L-mount. Parliamo dei Lumix S Pro 50 mm F1.4, Lumix S Pro 70-200 mm F4 OIS, e Lumix S 24-105 mm F4 Macro OIS.

Il primo è un classico ‘normale’, luminoso, con diaframma a 11 lame per la realizzazione di piacevoli sfocati. Il secondo è uno zoom tele con luminosità costante, stabilizzato, che costituisce una buona varietà di focali per foto naturalistica, sportiva e similari.
Il Lumix S 24-105 mm F4 Macro OIS, infine, è un classico jolly tuttofare, stabilizzato, che copre un’ampia gamma di focali con una luminosità adeguata e dispone anche di opzione macro (0,5x).
Con l’occasione, Panasonic ricorda di essersi impegnata ‘a progettare e sviluppare almeno 10 obiettivi entro il 2020, concentrandosi in particolare sui modelli Lumix Pro, e ad ampliare la gamma di prodotti della Serie S.’

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest