Alberto Sordi nella sua casa negli anni ‘60. Archivio storico Luce