Canon EOS C70, la prima videocamera RF-mount

Un ponte fra il passato e il futuro, perfetto per il presente. Stiamo parlando della nuova videocamera Canon EOS C70, una macchina compatta ma versatile che registra in 4K, la prima con attacco RF-mount (e adattatore per le classiche ottiche EF). E scusate se è poco…

Ve lo anticipiamo subito: per presentare in dettaglio anche solo le funzioni principali della nuova Canon EOS C70 non basta una notizia, e per testimoniarne l’effettivo valore sarà necessario effettuare una prova approfondita, i cui risultati vi presenteremo prima possibile.

In questa sede, per soddisfare la sete di curiosità di molti, anticipiamo almeno le caratteristiche principali della nuova nata. Bisogna premettere che negli ultimi mesi Canon ha spinto sull’acceleratore un po’ su tutto, dalle reflex alle mirrorless, dalle videocamere alle macchine da presa per il cinema. E bisogna anche ricordare che pure le reflex (come la Canon EOS 1-DX Mark III, provata sul numero 138  di Tutto Digitale), o la mirrorless Canon EOS R5, (testata invece sul prossimo 139) offrono prestazioni nel comparto di ripresa video assolutamente fuori dal comune…

 

Canon EOS C70

Eppure, la grande novità di questo momento – anche se appare come una ‘fotocamerona’ – è ancora legata all’immagine in movimento: una videocamera ‘dura e pura’, come vedremo, che offre la maneggevolezza di una piccoletta, e la versatilità e le prestazioni di una camera di un certo livello. Una situazione, peraltro, vista altre volte in casa Canon come di alcuni costruttori.

Canon EOS C70

La vera novità (che peraltro lascia lo spazio a profonde riflessioni che rimandiamo ad altra occasione) è che per la prima volta film maker e creativi in genere possono partecipare al matrimonio celebrato in casa Canon fra la solida tradizione di un prodotto Cinema EOS e la modernità progettuale e funzionale delle macchine della linea EOS R con RF-mount. In altre parole, è la prima volta che una videocamera Cinema EOS permette di effettuare riprese utilizzando la recente gamma di obiettivi RF.

Canon EOS C70

E non è finita qui. Con l’adattatore EF-EOS R 0.71x, lanciato contestualmente da Canon, chi dispone di uno dei tantissimi obiettivi EF potrà utilizzare le sue ottiche con la nuova EOS C70, mantenendo l’angolo di campo equivalente al pieno formato anche con il sensore adottato (in formato Super 35mm).

A proposito di ottiche, da segnalare poi che la Canon EOS C70 dispone della modalità Combination IS, che unisce l’IS ottico degli obiettivi RF con l’IS elettronico del corpo macchina per offrire una stabilizzazione ottimale dell’immagine, e dunque una resa adeguata anche nelle riprese a mano libera.

Canon EOS C70

Quanto descritto sinora basta già a capire che qui non si scherza, che siamo in presenza di un oggetto ben pensato, quasi un ponte fra ieri e domani. Le caratteristiche di base parlano appunto di un sensore in formato Super 35 mm (di dimensioni equivalenti all’APS-C) capace di riprendere in 4K e di tipo Dual Gain Output (DGO). Questo dispositivo,  introdotto per la prima volta sulla EOS C300 Mark III, offre addirittura oltre 16 stop di gamma dinamica (secondo quanto dichiarato dalla casa giapponese).

Canon EOS C70

Se fortunatamente è inevitabile la presenza entrobordo del famoso (ed efficace) Dual Pixel AF, una sorpresa è costituita dal sistema EOS iTR AF X (Intelligent Tracking and Recognition), visto sulla EOS 1-D X Mark III, con un algoritmo di rilevamento del volto e della testa sviluppato utilizzando la tecnologia deep learning. Sempre a proposito di fuoco, il Dual Pixel CMOS AF permette di registrare anche in 4K a 120p con l’effetto slow motion; interessante segnalare che la videocamera supporta pure la registrazione audio ad alti frame rate. Visto che abbiamo citato il frame rate, notiamo che è possibile raggiungere i 180 p in modalità Super 16.

Per la memorizzazione, la nuova Canon dispone di un doppio slot di memoria per le comuni (ed economiche) schede SD e permette di registrare in XF-AVC 4K 4:2.2 10 bit, ma sono disponibili molte altre opzioni.

La macchina è compatibile con le schede SD UHS-II ad alta velocità, e può essere impostata con diverse configurazioni, quali registrazione simultanea e relay.

Dal punto di vista pratico/operativo, segnaliamo che la C70 è dotata di 13 pulsanti con funzioni assegnabili, di un’impugnatura che consente un uso assai agevole, di terminali di ingresso/uscita per uso professionale (fra i quali HDMI e 2 connettori mini XLR per audio) e di un sistema di ventilazione indipendente. Non manca un sistema interno di filtri ND di nuova concezione (che offre fino a 10 stop di riduzione di luce, combinando i tre elementi ottici) a vantaggio del controllo dell’esposizione e della profondità di campo in determinate situazioni, e con la massima comodità operativa.

Nell’attesa di tornare quanto prima in dettaglio su questo modello – per alcuni versi, epocale per lo meno in casa Canon – segnaliamo intanto disponibilità e prezzi.

La nuova Canon EOS C70 sarà in vendita da Novembre 2020 al prezzo (suggerito al pubblico) di 5.489 euro. Per l’adattatore EF-EOS R 0.71x sarà necessario aspettare invece sino a Dicembre 2020; il prezzo (sempre al prezzo suggerito al pubblico) è di 609 euro.

Maggiori info sul sito ufficiale e qui sotto un video di presentazione della macchina

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest