DJI Mini 2, il piccolo drone si rinnova con il 4K

Arriva una nuova versione di DJI Mavic Mini: adesso si chiama solo Mini 2 e ha una connessione più stabile, propulsori più potenti e riprende in 4K, sempre senza superare i 250 grammi di peso totale

Si rinnova il drone più piccolo di DJI: Mini 2 migliora la tecnologia di connessione, ha motori più potenti e riprende in 4K. Il drone rimane nel range dei 250 grammi di peso, per volare senza dover sottostare ad alcune delle norme più stringenti.
La prima novità di Mini 2 è l’adozione del protocollo OcuSync 2.0, che sfrutta due frequenze per assicurare una trasmissione stabile e affidabile tra il controller ed il drone, con una distanza massima dichiarata di 6 Km (il triplo rispetto al Mavic Mini di precedente generazione). Rispetto al modello di scorsa generazione ci sono anche dei motori più potenti, con velocità di punta migliorata e resistenza a venti fino a 38 Km/h. La durata dichiarata dell’accumulatore integrato è di 31 minuti di volo.

Il sensore di DJI Mini 2 è un CMOS da 12 MP e 1/2.3″, che permette di riprendere anche in 4K 3840×2160 a 30 fps e 100 Mbps. Per la ripresa 1080p è disponibile una funzione di zoom ibrido 4x (2x con qualità lossless), mentre è da segnalare l’aggiunta del supporto del formato RAW per la modalità foto.
Anche se è privo di sensori di collisione veri e propri, DJI Mini 2 può comunque contare su tante modalità di volo pre-programmate, come gli immancabili Dronie, Rocket, Circle, Helix e Boomerang; a queste si aggiungono le funzioni per la cattura panoramica a 180°, sfera e wide angle.DJi Mini 2Il prezzo di listino del drone DJI Mini 2 è di 459 euro; disponibile anche il kit combo Fly More, che include diversi accessori aggiuntivi – tra cui due batterie extra, due set di eliche di ricambio extra, proteggieliche, caricabatterie USB con stazione di ricarica e borsa da spalla – al prezzo di 599 euro.

www.dji.com/it

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest