Interactive storytelling (recensione)

‘Content creator’ e ‘storytelling’ sono parole oggi di moda legate principalmente a chi si occupa di creatività, in particolare nel mondo del video. Termini moderni per identificare professione e situazioni che risalgono in qualche modo alla notte dei tempi, ma che si evolvono giorno dopo giorno… e qui arriviamo al contenuto del libro, opera di Antonio Pizzo, Vincenzo Lombardo e Rossana Damiano, tre docenti  dell’Università di Torino, (dove si occupano rispettivamente di Drammaturgia e performance, Multimedia e Intelligenza Artificiale, Agenti artificiali ed emozioni). E non solo: da oltre un decennio i tre svolgono ricerche transdisciplinari nell’ambito delle Arti e dei Beni culturali, situazione che li ha portati a fondare il Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Multimedialità e l’Audiovisivo (CIRMA). Qui, il trio ha sviluppato diversi progetti di racconto interattivo, e dunque, non a caso, il libro è dedicato allo storytelling, o meglio all’interactive storytelling.

Un volumetto ampio  e documentato, fra ‘Teorie e pratiche del racconto, dagli ipertesti all’Intelligenza Artificiale’, corredato non solo di approfondimenti multimediali ma anche di un software ad hoc.

Insomma, un testo impegnativo ed importante, un’apertura su un mondo tutto da scoprire per i coraggiosi che vorranno cimentarsi nell’impresa.

 

Interactive storytelling
Teorie e pratiche del racconto dagli ipertesti all’Intelligenza Artificiale

Antonio Pizzo, Vincenzo Lombardo e Rossana Damiano
Dino Audino Editore
Pag. 176  – € 19,00

 

 

Recommend to friends
  • gplus
  • pinterest