Sab 3 Dicembre 2022

Plustek OpticFilm 135i, nuovo scanner per dia e pellicole 35 mm

Plustek OpticFilm 135i scanner per dia e pellicole 35 mm

Per Mac e PC, ecco uno scanner firmato Plustek per la digitalizzazione di diapositive, pellicole e negativi da 35 mm: una soluzione ideale per una nuova vita dei propri archivi fotografici

Abbiamo parlato più volte di Plustek, produttore di soluzioni per l’imaging professionale e per l’ufficio, e dei suoi scanner. Ora è la volta di presentare il nuovo OpticFilm 135i, un piccolo e potente scanner per Mac e PC studiato per digitalizzare in modo semplice e rapido pellicole, negativi e diapositive 35 mm.

Plustek OpticFilm 135i

Dotato di interfaccia USB 2.0, l’OpticFilm 135i offre una risoluzione di 7200 dpi, e può effettuare scansioni in serie, grazie a un sistema di gestione motorizzato dei supporti pellicola. A vantaggio della semplicità d’uso, l’OpticFilm 135i dispone di tre pulsanti “one-touch”.

Da segnalare la presenza di uno specifico sensore per il canale infrarosso, che consente di rilevare la presenza di graffi e polveri sugli originali (e rimuoverli automaticamente dalle scansioni senza la necessità di interventi manuali).

L’unità è fornita con il software QuickScan Plus, che comprende numerose funzionalità di elaborazione automatica delle immagini e vari strumenti di regolazione delle immagini.

Le immagini digitalizzate, ovviamente possono poi essere condivise e soprattutto archiviate sui media preferiti, o anche essere aperte su software di fotoritocco di terze parti per ulteriori modifiche e miglioramenti.

Il nuovo scanner Plustek OpticFilm 135i è già disponibile sul mercato, a un prezzo al pubblico di 429 euro (IVA inclusa).

https://www.plustek.com/ita/

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...
Plustek OpticSlim 1680

Plustek, nuovo scanner A3 per Mac/Win

Studiato per la digitalizzazione di documenti di grande formato (A3) il nuovo OpticSlim 1680 è semplice da utilizzare, compatibile con tutti i più diffusi programmi

In edicola
Tutto Digitale News
IL CINEMA DIETRO LE QUINTE