Ven 27 Gennaio 2023

Elizabeth – A Portait in Parts (recensione BD)

Elizabeth - a portrait in parts

Non è questa la sede opportuna per analizzare vita, morte e miracoli, verrebbe da dire, di una donna che ha caratterizzato un’epoca, e non solo per la Gran Bretagna. Parliamo di Elizabeth Alexandra Mary, meglio nota come Elisabetta II, che è riuscita nell’impresa non solo di gestire il regno per il periodo in assoluto più lungo della storia (quasi 71 anni…), ma anche, in qualche modo, fra alti e bassi, a mantenere il controllo della situazione con la sua “forza tranquilla”, per attraversare la Manica e citare lo slogan della campagna di Mitterand nella vittoriosa campagna del 1981.
In quanto al rapporto fra la Regina Elizabeth II e il cinema, possiamo citare alcuni film e documentari, oltre ad apparizioni cameo, citazioni/omaggio di varia natura, esplicite o nascoste.

Quello che invece abbiamo per le mani è un prodotto home video recente, un documentario di un’ora e mezzo curato con amore, verrebbe da dire, dal compianto regista Roger Mitchell (è scomparso a settembre 2021).
Michell (erroneamemte dichiarato sulle note di copertina del Blu-ray, se non siamo noi in torto, come “premio Oscar”; in realtà ci risulta avere vinto vari BAFTA Award – diciamo una sorta di oscar britannici – ed altro), nato soprattutto con il teatro, come autore e regista, è passato per un breve periodo nella televisione prima di approdare al cinema. Qui il debutto avviene con Persuasione (1995), adattamento cinematografico di un noto romanzo di Jane Austen; per questa opera il regista si è aggiudicato cinque BAFTA. Da allora ad oggi, Michell ha firmato meno di 20 lungometraggi, piuttosto eterogenei, sempre con tocco delicato. Oltre al film che lo ha reso famoso, ovvero Notting Hill con Hugh Grant e Julia Roberts, ci piace ricordare a livello personale anche il poetico Le week-end.

Insomma, il regista giusto per mettere un po’ d’ordine nella ricca e lunga vita della regina, con filmati d’epoca e non solo. Elizabeth – A Portrait in Parts è un documentario sui generis, che scorre piacevolmente e a volte anche stupisce. Un film che fa rivivere un’epoca con un occhio certamente diverso dal nostro.
Resa audiovisiva variabile, in funzione ovviamente anche del materiale d’epoca utilizzato, comunque senza problemi di sorta. Come extra, solamente un trailer.

Elizabeth a portrait in partsElisabeth – a portait in parts
Documentario – Lucky Red/Koch M.
di Roger Mitchell;
2022; 90 minuti;
DTS-HD Master Audio 5.1 (ita, ing);
sottotitoli italiano; 1,33:1/1,85:1;
16,90 euro

Film: 8/10
Wow: 6/10
Tecnica: 8/10
Extra: 6/10
Overall: 8/10

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...
Finale a Sorpresa

Finale a sorpresa (recensione BD)

Di film “cinematografici”, ovvero di opere che raccontano in qualche modo il cinema, il fare cinema, il vivere cinema, c’è davvero l’imbarazzo della scelta. E

Zlatan

Zlatan (recensione Blu-ray Disc)

Considerata la popolarità planetaria del calcio, probabilmente lo sport più praticato ed amato in assoluto, non sono poi tanti i film dedicati ai campioni riconosciuti

Ennio Blu-ray

Ennio (recensione Blu-ray Disc)

Secondo l’Enciclopedia del Cinema Treccani, “Con il termine documentario si intende, nell’uso comune, un film, di qualsiasi lunghezza, girato senza esplicite finalità di finzione, e

Thirst Limited Edition BD

Thirst – Limited Edition

Park Chan-wook è un regista, sceneggiatore e produttore sudcoreano, un artista ormai di culto almeno per chi ama la produzione di quella terra lontana, e

In edicola
Tutto Digitale News
IL CINEMA DIETRO LE QUINTE