Sab 25 Giugno 2022

Compatta Nikon 1 J5

Test estratto da: Tutto Digitale 103 – Febbraio 2016
Compatta
Nikon
1 J5
– Prezzo: € 530,00
La macchina giusta per chi vuole divertirsi con la fotografia senza peso ed ingombro dei sistemi reflex? Una possibile candidata è la J5, ultima arrivata nella famiglia di compatte ad ottiche intercambiabili Nikon 1: (quasi) tascabile, simpatica, versatile, di ottime prestazioni. Un piccolo diavolo, insomma
Nikon 1 J5

Come sappiamo, la fotografia è un’arte praticabile con un gran numero di strumenti.
A disposizione del fotografo, infatti, sul mercato ci sono tanti dispositivi simili ma sostanzialmente diversi (dalle fotocamere compatte a quelle medio formato, passando per le videocamere che consentono di effettuare lo scatto e naturalmente per gli smartphone) che comunque consentono di ottenere più o meno facilmente le immagini.
I tempi cambiano, nuove soluzioni si affacciano sul mercato, ma sostanzialmente ancora oggi la macchina fotografica per eccellenza è considerata la classica reflex ad ottiche intercambiabili. Uno strumento che fa parte di un vero ‘sistema’ (nel quale entrano  anche le ottiche, i flash, gli accessori), che di fatto permette di costruirsi una soluzione di ripresa praticamente su misura delle proprie esigenze, offre grandi possibilità espressive, ed ha anche il fascino della foto ‘vera’.
Come è facile verificare, una reflex, anche nel caso di modelli entry level, è caratterizzata necessariamente da un discreto ingombro e un peso in proporzione, e un corredo con due o tre ottiche diventa piuttosto impegnativo da portarsi appresso.
Come accennato in precedenza, però e per fortuna, lo sviluppo della tecnologia è senza sosta e con il passare del tempo le aziende costruttrici hanno studiato soluzioni diverse da quelle tradizionali ma altrettanto valide. Ad esempio proponendo macchine molto simili alle reflex, per impostazione generale, e praticamente identiche – a parità di dotazioni – dal punto di vista delle prestazioni, prive dello specchio. Da qui, la definizione ‘mirrorless’, senza specchio, per questa nuova tipologia di macchine. Nuova tipologia che, in realtà, ha inizialmente fatto fatica ad imporsi sul mercato, ma che oggi, vinte le resistenze dei tradizionalisti, mostra un notevole tasso di crescita, almeno per le soluzioni più valide.
Diamo ad esempio uno sguardo alla serie 1 di Nikon: con questa proposta, la casa giapponese ha voluto condensare la versatilità di una reflex in un ‘contenitore’ delle dimensioni di una compatta o poco più. Il risultato si è materializzato sul mercato con la disponibilità di una gamma di prodotti raffinati, a prezzi ‘umani’. Una gamma basata sull’adozione di un sensore retroilluminato da 1”, che Nikon definisce formato CX (più piccolo di quello delle reflex ma più grande di quello della stragrande maggioranza dei modelli ‘tascabili’; una taglia, come vedremo, sufficiente a garantire buone prestazioni).
Il risultato dello studio del ‘progetto 1’ è appunto una gamma di modelli ed obiettivi – un piccolo ma completo ‘sistema’, proprio come quello delle reflex – con cui è possibile divertirsi a fotografare, certi della qualità dei risultati ottenibili.
Ultima arrivata nella serie Nikon 1, già da un po’ di tempo sul mercato, è la J5: una macchina elegante, solida, efficace, e dotata di tante funzioni interessanti, che meritava una prova ad hoc. Una soluzione certamente compatta e sulla carta nemmeno troppo costosa, considerando la dotazione di comandi e funzioni: il prezzo suggerito al pubblico (in kit con 1 Nikkor 10-30mm e una scheda Lexar micro SD 300x 16 GB) è infatti di 530,00 Euro.
Il nostro test si riferisce proprio a questa combinazione.
Diamo ora un’occhiata in dettaglio alla macchina, disponibile in tre varianti cromatiche, nera (quella da noi provata), argento oppure nera e argento.

Quattro anni di garanzia

Prima ancora della presa in mano, la nostra attenzione è attratta dall’imballo, sul quale spicca un adesivo che si commenta da solo: la macchina, distribuita da Nital, è accompagnata da una garanzia ufficiale italiana di ben 4 anni!
Un plus da non trascurare…
La 1 JS si presenta bene, con un design classico, adeguatamente curato e una costruzione abbastanza compatta; con il 10-30mm l’ingombro, se non proprio quello di una tascabile, è quello di una ‘facilmente trasportabile’, in una borsa o anche nella tasca di un giaccone.
L’impostazione non mostra particolari rivoluzioni, ma tutto sembra piuttosto tradizionale, a vantaggio  di un uso istintivo da parte di chi abbia anche solo un minimo di esperienza.
Sul piano superiore, a sinistra, ecco il flash integrato nella carrozzeria; si mette in posizione d’uso con uno scatto, comandabile con un selettore laterale. Accanto al flash, il selettore di modalità (che permette di selezionare con facilità fra P, S, A, M, Sport ed altre), il pulsante di scatto con interruttore generale esterno, quindi un selettore rotativo multifunzione con pulsante centrale per l’avvio in video registrazione.
Il retro è dominato quasi totalmente dal bel monitor LCD da 3 pollici/7,5 cm e 1037 K punti e può ruotare di +/- 90% rispetto alla posizione abituale, per un controllo totale del soggetto.
Lo stesso monitor può essere ruotato fino a 180° dalla collocazione standard per mostrare l’inquadratura al soggetto in caso di autoritratto; in tale situazione le informazioni si ribaltano automaticamente e possono essere visualizzate nel modo corretto.
Accanto al monitor, sull’estrema destra, ecco una piccola protuberanza (che fa il paio con l’impugnatura anteriore) per facilitare la presa, soprattutto in caso di scatto verticale, e quindi i pulsanti di play e menu.
A scendere, il classico comando multifunzione, con tasti ai punti cardinale e pulsante centrale. Per chiudere con la descrizione, il tasto per la connessione wi-fi e il ‘cestino’; è poi possibile assegnare le impostazioni usate più di frequente al pulsante Fn (Funzione), posizionato frontalmente.
Sul fianco sinistro doppie prese (mini) HDMI e USB; sul fondo la filettatura per il treppiedi (da 6,35 mm, ISO 1222), e l’alloggiamento per l’accumulatore ricaricabile e la scheda di memoria (di tipo Micro SD, fornita nel kit insieme al suo adattatore).
All’interno, come accennato, opera un sensore in formato CX, ovvero da 1”, retroilluminato, che offre 20,8 megapixel e lavora in tandem con il processore Expeed 5A. La potenza del processore permette non solo di gestire al meglio le diverse funzioni normali e speciali della macchina, ma in primis anche di ottimizzare le prestazioni dell’autofocus (che si basa su un veloce e preciso sistema ibrido con ben 171 punti), e naturalmente scattare a raffica (fino a 20 fps con AF continuo, fino a 60 fps con messa a fuoco fissa sul primo fotogramma).
Un processore all’altezza della situazione è poi utile per realizzare video, che la 1 J5 può girare in 4K (o meglio, in UHD, 3840 x 2160 pixel, a 15 fps) o Full HD 1080/60p e in slow motion (in HD), come anche per spettacolari time lapse usando sino a 300 foto.
Altre caratteristiche: la messa a fuoco, di tipo ibrido, offre una gran varietà di opzioni, compresa la priorità al volto.
La misurazione esposimetrica può essere scelta fra spot, ponderata centrale e la classica Matrix di Nikon.
Il flash, con numero guida di circa 5 (1 m/100 ISO) è ricco di opzioni, compresa la possibilità di compensazione (da -3 a +1 EV a passi di 1/3 EV).

C’è anche il RAW

Come in tutte le fotocamere di una qualche ambizione, con la J5 è possibile memorizzare in formato NEF (il RAW di Nikon), in NEF + JEPG Fine, in JPEG Fine oppure in JPEG Normal.
La sensibilità va da 160 a 12.800 ISO; a vantaggio dell’utilizzazione con focali estese verso il tele, e/o in condizioni di scarsa illuminazione, è disponibile la funzione E-VR (riduzione vibrazioni elettronica).
Questo solo per accennare ad alcune delle caratteristiche e dotazioni principali. Se parliamo di funzioni accessorie, da segnalare anche le possibilità di ottenere foto ad alta risoluzione durante le riprese video, di realizzare filmati accelerati, di utilizzare la Tavolozza creativa per applicare alle foto filtri artistici di qualità professionale e molto altro ancora.
La J5, insomma, è un concentrato di opzioni, una macchina che offre davvero ‘di tutto, di più’, al punto che ci vorrebbero pagine e pagine per descrivere le varie funzioni. Una piccoletta di grandi potenzialità nelle mani di un fotografo appassionato ed esperto.
E non è finita qui con la dotazione: per condividere uno scatto, poi, la J5 sfrutta la tecnologia NFC (Near Field Communication). è sufficiente accostare la macchina ad un dispositivo smart per trasferire l’immagine visualizzata sullo schermo LCD.
La piccola-grande Nikon dispone di Wi-Fi integrato, con accesso diretto semplicemente premendo il pulsante dedicato. Con la funzione Wi-Fi, inoltre, si può scattare a distanza e controllare il risultato visualizzando in anteprima gli scatti sullo schermo del tablet o dello smartphone.

Per tutte le stagioni

Eccoci ora al momento della prova pratica, effettuata utilizzando la combinazione del kit di corpo macchina ed obiettivo 10-30 mm. Diamo subito un’occhiata a quest’ultimo, che è piuttosto compatto; ha un’escursione equivalente a un 27-81 mm, dunque sufficiente alla maggior parte delle situazioni di ripresa.
Quando la macchina è spenta, l’obiettivo appare chiuso; accendendo la J5 si apre la protezione frontale ed è possibile scattare. Una soluzione che elimina il problema del ‘tappo’, spesso soggetto a temporanei smarrimenti…
Sempre a proposito dell’obiettivo, da segnalare in positivo la minima distanza di messa a fuoco, pari a 20 centimetri, mentre, in negativo, la luminosità, caratterizzata da valori non da record (1:3,5-5,6) e non costante con l’aumentare della focale.
Ed ora, al lavoro! Inseriamo l’accumulatore e la micro scheda, e ci muoviamo per la città, alla ricerca di spunti utili da fotografare.
Durante la sessione pratica non abbiamo avuto difficoltà a manovrare la macchina; come accennato durante la descrizione, l’impostazione di base – nonostante le infinite possibilità offerte dalle tante funzioni secondarie disponibili – è semplice e lineare. Una situazione che lascia il fotografo libero di concentrarsi su inquadratura et similia, rimandando a un momento tranquillo l’analisi del completo libretto di istruzioni, alla scoperta delle funzioni più nascoste.
Per agire sullo zoom basta girare la ghiera zigrinata presente sul barilotto; la velocità di cambio focale fra massimo e minimo sostanzialmente è determinata dalla rapidità della manovra effettuata dall’operatore, ma, vista la demoltiplicazione, può non bastare uno step di rotazione della mano.
Con un’equivalenza 27-81 mm, ovvero dal grandangolare al medio tele, è possibile coprire buona parte delle normali esigenze di ripresa; in caso di necessità, poi, si possono utilizzare altri obiettivi della serie 1 (stiamo parlando pur sempre di una macchina ad ottiche intercambiabili, no?): fra ottiche fisse e zoom, ci sono a disposizione altri 12 modelli, fra cui il luminosissimo medio tele (equivalente all’incirca a un 85 mm) 1 Nikkor 32mm f/1.2 , o lo zoom supertele (equivalente a un 189-810mm!) Nikkor VR 70–300mm f/4.5–5.6.
La resa  complessiva delle immagini con  la combinazione corpo/zoom in prova è risultata di ottimo livello, con definizione un tempo insospettabile per una compatta e resa cromatica sempre piuttosto equilibrata.
In interni, complice la luminosità non eccezionale dell’ottica, si è costretti  talvolta ad innalzare il valore degli ISO, con relativo proporzionale aumento di rumore (ben contenuto sino a 1600 ISO); i risultati però sono comunque interessanti anche a valori ISO altini, testimonianza evidente del fatto che sensore e processore si comportano bene.
In video Full HD la ripresa è decisamente valida, mentre in UHD – con immagini comunque di altissimo livello, quasi miracolose considerando la ‘scatoletta’ da cui escono) i 15 fps limitano un po’ le potenzialità. Come per tutte le compatte, poi, c’è da ricordare che per utilizzazioni intense e situazioni di sapore professionale, sarebbe necessario adottare accessori ad hoc per una comoda gestione delle riprese.
Foto o video, in ogni caso effettivamente passeggiare a zonzo per la città alla ricerca di uno spunto o di una situazione di ripresa interessanti con questo oggetto – che non a caso abbiamo soprannominato ‘piccolo diavolo’ – è davvero un’operazione rilassante e divertente, un modo per vivere ‘slow’, in relax. Con la certezza poi che, se ce ne fosse bisogno, la J5 sia in grado di tirar fuori tutta la grinta necessaria per assecondare le esigenze dei fotografi più esperti.

Per fotografi ‘veri’

La conclusione, dopo quanto evidenziato durante la prova, appare scontata: con questa macchina siamo in presenza di una compatta sui generis, o meglio di una vera fotocamera a sistema, dedicata a veri appassionati.
Nikon 1 J5D’altro canto, piccola sì, ma si tratta pur sempre di una fotocamera firmata Nikon, no?

Salvatore Coppola

Pagella

ESTETICA                  8/10
Nulla di rivoluzionario, ma una macchina dall’aspetto equilibrato.
COSTRUZIONE         8/10
Nel complesso e nei dettagli, adeguata alla classe del prodotto.
VERSATILITA’          9/10
Uno dei punti di forza della macchina: non tutto, ma davvero di tutto.
PRESTAZIONI         8/10
Resa eccellente in ogni situazione, con qualche limite in condizioni di scarsa luce.
RAPPORTO Q/P        8/10
Il prezzo del kit provato non è stracciato, ma in linea con il resto, cioè equilibrato.

PRO
✔ Impostazione ergonomica
✔ Versatilità
✔ Resa complessiva
✔ Monitor regolabile in ogni senso o quasi
✔ Garanzia Nital 4 anni
CONTRO
✔ Ottica del kit valida ma poco luminosa
✔ Batteria dalla carica non eterna
✔ Video UHD/4 a 15 fps
✔ Scheda Micro SD poco comune

Costruttore:  Nikon, Giappone
Distributore: Nital, via Vittime di Piazza Fontana 54, 10024 Moncalieri (TO) –
tel. 1991241172 – www.nital.it

Caratteristiche dichiarate dal costruttore

Innesto dell’obiettivo: Baionetta 1-Mount Nikon 1
Angolo di campo effettivo: Lunghezza focale circa 2,7x (equivalente al 35 mm)
Sensore: CMOS, formato CX (13,2 mm x 8,8 mm, 23,01 MP (effettivi 20,8 MP)
Dimensione immagine (pixel): In Auto, P, S, A, M, Sport, Best moment capture e modi creativi eccetto Panorama semplificato; proporzioni 3: 2): (L) 5568 x 3712, (M) 4176 x 2784, (S) 2784 x 1856. Varie modalità: 120: 23: (L) 4800 x 920; 8: 25): (L) 1536 x 4800; 240: 23): (L) 9600 x 920; 4: 25): (L) 1536 x 9600. Foto scattate registrando un filmato (proporz. 3: 2): (L) 5568 x 3712. Motion Snapshot (porzione di foto; proporz. 16: 9): 5568 x 3136
Memorizzazione – Formato file: NEF (RAW): 12 bit, compresso. JPEG: compressione Fine (circa 1: 4), Normale (circa 1: 8). NEF (RAW) + JPEG
Sistema Picture Control: Standard, Neutro, Saturo, Monocromatico, Ritratto, Paesaggio, l’impostazione di Picture Control selezionata può essere modificata.
Memorizzazione –  microSD (micro Secure Digital), microSDHC, microSDXC
File system: DCF 2.0, Exif 2.3, PictBridge
Modi di ripresa: Auto; Sport; creative, opzioni: Pop, Retro, Monocromatico, Soft seppia, HDR, Panorama, Flou, Miniatura, Sel. colore, Cross processing, Toy camera, Cross-screen, Fisheye, Pelle soft, Paesaggio notte, Ritratto notte, Paesaggio, Primo piano e Ritratto; Auto program flessibile, Auto a priorità di tempi, a priorità diaframmi, manuale; Best moment (Selez. attiva, Slow view, Smart Photo Sel.); Video (HD, 4K, accelerato, Ralenty, Jump-cut, Movimento veloce e filmato di 4 sec); Motion Snapshot; autoritratto
Otturatore elettronico: 1/16.000 – 30 s a step di 1/3 EV; Posa B. (max 2 minuti)
Tempo sincro flash: Sincronizzato su X=1/60 sec. o su un tempo più lungo
Modo di scatto: S (Fotogramma singolo), Sequenza, Autoscatto, Riprese intervallate
Frequenza fotogrammi: Circa 60 fps; Circa 5, 10, 20, 30 o 60 fps
Autoscatto: 2 s, 10 s
Misurazione esposimetrica: TTL con sensore di immagine, di tipo Matrix, Ponderata centrale (cerchio di 4,5 mm), Spot (cerchio di 2 mm sull’area di MaF selezionata)
Modalità: P: Auto programmato  con programma flessibile; S: Auto a priorità di tempi; A: Auto priorità diaframmi; M: Manuale; Selezione automatica scene
Compensazione esposizione: Da -3 a +3 EV in step di 1/3 EV
Sensibilità ISO: ISO 200-12800 in step di 1EV. ISO 160; 6400 (NR); 12800 (NR); Controllo automatico ISO (ISO 160-6400, 160-3200, 160-800) (gestito dall’utente in P, S, A e M)
D-Lighting attivo: On, off
Autofocus: ibrido (AF rilevazione di fase/del contrasto); illuminatore ausiliario AF
Motore di messa a fuoco: Autofocus (AF): Selezione AF-S/AF-C automatica (AF-A), AF permanente (AF-F), AF singolo (AF-S), AF continuo (AF-C). Fuoco manuale (MF)
Area AF: Area AF singola: 171 aree di messa a fuoco; le 105 aree centrali supportano l’AF a rilevazione di fase. Area AF automatica: 41 aree di messa a fuoco
Modo area AF: Area AF singola, Area AF automatica, Inseguimento soggetto
Blocco della messa a fuoco: premendo il tasto di scatto a metà corsa (AF singolo)
Flash incorporato: Modo Auto e tutti i modi creativi eccetto HDR, Panorama semplificato, Paesaggio e Paesaggio notturno: il flash si solleva automaticamente e scatta quando necessario. P, S, A, M e Autoritratto: Manuale
Numero guida: Circa 5 (1 m ISO 100, 20° C; a ISO 160, circa 6,3
Controllo flash: i-TTL con sensore di immagine
Modo flash: Auto, Auto + Riduzione occhi rossi, Fill flash, Fill flash con Sincro su tempi lenti, Riduzione occhi rossi, Riduzione occhi rossi con Sincro su tempi lenti, Sincro 2a tendina, Seconda tendina con Sincro su tempi lenti, off
Compensazione flash: Da -3 a +1 EV in step di 1/3 EV
Bilanciamento del bianco: Auto, Incandescenza, Fluorescenza, Sole diretto, Flash, Nuvoloso, Ombra, con regolazione fine; Premisurazione manuale
Filmato – Misurazione esposimentrica: TTL con sensore di immagine principale
Filmato – Metodo misurazione esposimentrica: Matrix. Ponderata centrale: cerchio di 4,5 mm al centro fotogramma. Spot: cerchio di 2 mm sull’area di fuoco selezionata
Filmato – Dimensioni e freq. fotogrammi: HD (16: 9): 1920 x 1080/60p (59,94 fps); 1920 x 1080/30p (29,97 fps); 1280 x 720/60p (59,94 fps). 1280 x 720/30p (29,97 fps). 4K (16: 9): 3840 x 2160/15p (14,99 fps). Rallentatore: 1280 x 720/120 fps. (16: 9, a 30p/29,97 fps). 800 x 296/400 fps. (8: 3; a 30p/ 29,97 fps). 400 x 144/1200 fps. (8: 3; a 30p/29,97 fps). Accelerati: veloce, Jump-cut e video di 4 sec. (16: 9): 1920 x 1080/30p (29,97 fps). Motion Snapshot (porz. filmato; 16: 9): 1920 x 1080/60p (59,94 fps) (a 24p/23,976 fps).
Filmato – Formato file: MOV – Compressione video: H.264/MPEG-4
Filmato – Formato di registrazione audio: PCM
Filmato – Registrazione audio: Microfono stereo; sensibilità regolabile
Monitor: touch LCD TFT 7,5 cm/1037 K basculante con regolazione della luminosità
Riproduzione: pieno formato e miniature (4, 9, 16 foto o calendario) con zoom in play, sequenze come fotogrammi principali o come immagini consecutive, play filmato e panorama, slide show, visualizzazione istogrammi e Rotazione auto immagine
Connessioni: USB high speed; HDMI tipo D
Standard Wi-Fi (LAN wireless): IEEE 802.11b, IEEE 802.11g
Frequenza Wi-Fi (LAN wireless): Da 2412 a 2462 MHz (canali da 1 a 11)
Portata Wi-Fi (LAN wireless) (in linea retta): Circa 10 m (in assenza di interferenze)
Velocità di trasferimento dati Wi-Fi (LAN wireless) (valori effettivi): 54 Mbps.
Sicurezza Wi-Fi (LA
Batteria: Una batteria ricaricabile Li-ion EN-EL24
Dimensioni (L x A x P): Circa 98,3 x 59,7 x 31,5 mm, sporgenze escluse
Peso: Circa 265 g con batteria e card di memoria; circa 231 g, solo corpo macchina
Accessori in dotazione: Tappo corpo BF-N1000, batteria ricaricabile Li-ion EN-EL24, caricabatteria MH-31, tracolla AN-N1000, cavo USB UC-E20, software ViewNX 2

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email
Potrebbero interessarti anche...
Ennio Blu-ray

Ennio (recensione Blu-ray Disc)

Secondo l’Enciclopedia del Cinema Treccani, “Con il termine documentario si intende, nell’uso comune, un film, di qualsiasi lunghezza, girato senza esplicite finalità di finzione, e

In edicola
Tutto Digitale News
IL CINEMA DIETRO LE QUINTE