Lun 15 Aprile 2024

“Vedere Oltre”: mostre ed eventi dedicati a Luigi Ghirri

Labirinti della visione. Luigi Ghirri 1991

Scoprire l’Emilia seguendo lo sguardo rivelatore di Luigi Ghirri (Scandiano 1943 – Reggio Emilia 1992), tra i più importanti fotografi del Novecento italiano. Ghirri sosteneva che sono proprio gli angoli più consueti, quelli che abbiamo sempre sotto gli occhi a poter svelare aspetti imprevisti. Di qui il suo “Vedere Oltre”, che è il titolo del calendario di eventi del progetto promosso dalle città di Reggio Emilia, Modena e Parma, alle quali Luigi Ghirri era legato e fondamentali per la sua produzione artistica. Per il trentennale della sua morte, le città di Visit Emilia – la Terra dello Slow Mix, dove ogni esperienza è esclusiva ed eclettica tra cultura, natura ed enogastronomia – dedicano mostre ed iniziative al fotografo emiliano. Occasione unica per immergersi con nuovi occhi nelle meraviglie artistiche, culturali e contemporanee di Parma e Reggio Emilia, immaginando di seguire i passi e lo sguardo di Ghirri, che ha dedicato ad alcuni dei più bei palazzi e scorci emiliani immagini e visioni irripetibili.

Prima tappa, il Palazzo del Governatore, tra i simboli del cuore storico di Parma, luogo prestigioso d’arte moderna e contemporanea, che dal 17 dicembre 2022 al 26 febbraio 2023 ospita l’esposizione “Labirinti della visione. Luigi Ghirri 1991”, un lavoro inedito sul paesaggio culturale con oltre 150 fotografie. Una mostra originale, ad ingresso gratuito, organizzata dal Comune di Parma con CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma

Dove: Parma e Reggio Emilia dal 17/12/2022 al 26/02/2023

Tipo evento: Festival Foto

Per informazioni:

Web: http://www.visitemilia.com

Condividi:

Potrebbero interessarti anche...
Blackmagic URSA Cine 12K

Blackmagic URSA Cine 12K, “la camera dei sogni”?

Una trentina e forse più di novità Blackmagic al NAB 2024: quella forse più interessante per chi riprende è la nuova URSA Cine 12K. Come vedremo, per le sue caratteristiche, in qualche modo è “la camera dei sogni”…